Gazzetta dello Sport: i voti di Napoli-Milan 1-1

Nella mattinata di oggi, mercoledì 19 aprile, La Gazzetta dello Sport ha rilasciato i voti assegnati per la partita Napoli-Milan gara valida per il ritorno dei quarti di Champions League 2022/23, finita 1-1. Ieri 90′ interminabili con un Milan che ancora una volta ha espresso una prestazione incredibile, non è stato sicuramente bello da vedere ma ha fatto quello che doveva fare, perchè non c’è sempre bisogno di attaccare per vedere una bel match.

Nel primo tempo il Napoli ha avuto un ritmo incredibile e ha provato in tutti i modi a segnare ma il Milan si è difeso bene, appena i rossoneri hanno messo la testa fuori dal proprio centrocampo hanno guadagnato un rigore con Leao che è stato falciato da Mario Rui, rigore poi sbagliato da Giroud. Al 36′ minuto c’era un rigore per il Napoli non dato anche se c’è stato il check del VAR (all’andata c’era sicuramente un rigore per il Milan non dato). Al 42′ si acceso di nuovo Leao che è partito da circa metà campo e ha saltato tre giocatori per poi offrire un cioccolatino a Giroud che era solo da appoggiare in porta ed è valso lo 0-1 per il Milan.

Nel secondo tempo il Milan anche forse per i due gol di vantaggio si è fatto vedere meno in avanti e ha fatto più difesa che attacco. Il Napoli ha trovato il pareggio solo al 93′ con un cross buttato in area alla disperata in cui Osimhen di testa ha insaccato in rete ma la gara era praticamente finita, infatti dopo pochi secondi l’arbitro ha fischiato la fine della partita ed ha sancito la qualificazione del Milan alla semifinale di Champions League.
È stata sicuramente una gara sofferta ma merito a tutta la squadra e e alla società petr questa qualificazione alla semifinale di Champions League

Marcatori: 42′ Giroud

Milan: Maignan 7; Calabria 6.5, Kjaer 7, Tomori 5, Hernandez 6; Tonali 6, Krunic 6.5; Diaz 5.5 (58′ Messias 6), Bennacer 6.5, Leao 8 (83′ Saelemaekers S.V.); Giroud 6 (67′ Origi 5.5). 

Video highlighs Napoli-Milan 1-1

Informazioni su Marcello Barbuti 1388 articoli
Super appassionato di calcio ma seguo e ho praticato sport come pallavolo e basket, anche se non a livello professionistico. Sono tifoso del Milan da sempre e da ragazzino, quando giocavo con gli amici, indossavo la maglia di Weah anche se l'amore infinito è stato per Kakà. Gli altri colori non esistono se si parla di calcio: sono e sarò sempre rossonero.